Anestetizzato

E’ un po di tempo che non pubblico nessun post e qualcuno si chiederà il perchè (probabilmente nessuno, però era brutto brutto scrivere “nessuno si chiederà il perchè”), la risposta è molto semplice, NON LO SO. Ammetto sinceramente di non sapere il motivo di questo blocco dello scrittore che ho avuto in questo breve periodo di tempo. E’ una fase strana del mio vivere quella di questi ultimi tempi, sono come anestetizzato, fatico a provare emozioni di qualsiasi genere, dalle positive alle negative, me ne rendo conto sempre di più. Per carattere sono uno che si indigna molto per le ingiustizie, mi arrabbio e reagisco, se necessario, anche quando il diretto interessato non sono io, ma ultimamente sto perdendo quella rabbia che mi spinge, che mi guida nel combattere e nell’interessarmi delle cose. Per fare un esempio, in questi giorni, la società della rete gas chiude (chiude nel senso che “sigilla col piombo”) senza preavviso il rubinetto accanto al contatore del gas dei miei nonni. Dopo qualche giorno arriva una lettera nella quale la suddetta società dice di aver avuto l’ordine di chiusura dalla mia società di fornitura di gas di cui non faccio il nome, ma la conosciamo bene tutti. Chiamo il fornitore, mi risponde un call center, spiego la situazione e loro mi dicono che i miei nonni non risultano più loro clienti dall’anno scorso, riesco a persuadere il ragazzo del call center che mi dice che i miei nonni sono passati a un altro fornitore, cosa assolutamente non vera perchè li ho istruiti a non firmare MAI NIENTE se non in mia presenza. Chiamo il presunto nuovo fornitore che simpaticamente mi dice che i miei nonni non risultano loro clienti. Alla fine, come mi è già capitato in passato, ho optato per la soluzione “AVVOCATO”. Vedremo l’evolversi della situazione. Però il fatto che veramente mi ha fatto pensare è che tutta questa situazione, pur colpendo direttamente persone a me molto care, l’ho affrontata diversamente da come mi capitava di affrontare queste vicende in passato, senza l’indignazione rabbiosa che mi contraddistingue, quasi come se fossi abituato a questi pessimi risvolti. In passato ho già combattuto con questi colossi, che siano fornitori di energia o di telefonia o di qualsiasi altro servizio, hanno tutti la stessa struttura studiata appositamente per essere al servizio dell’azienda stessa e del suo fatturato, i diritti del consumatore probabilmente, e ormai per esperienza posso dire evidentemente, non vengono neanche presi in considerazione. In definitiva mi sento completamente anestetizzato dalle ingiustizie che subiamo in questo paese, che siano grandi o piccole mi suscitano poco o niente, sono insensibile, privo di qualsivoglia emozione, elettroemozionegramma piatto. Spero tanto che sia una cosa momentanea, voglio tornare a incazzarmi!

Annunci

Informazioni su corvobianco213

CRA CRA CRA CRA CRA? CRA CRA CRA! CRA!?

Pubblicato il marzo 9, 2013, in incazzarsi, musica, pensieri, riflessioni con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 4 commenti.

  1. Ogni tanto a me è capitato, e capisco che si speri che sia momentaneo e che non sia un sintomo di altro, come per esempio essersi abituati alle ingiustizie.
    Ma invece alle volte si ha solo bisogno di tempo, di una piccola pausa.

  2. Fiumi di parole inutili ne sento scorrere tutti i giorni. Ben venga allora il silenzio, quel rumore ovattato che sale e precipita dentro di noi senza lasciare nessuna traccia di pulviscolo. Niente.
    Ed è dal niente che si riparte una volta messe da parte le nostre incertezze e il nostro disagio. Oppure il loro.
    In questo periodo sembra anche a me di non aver più nulla da dire, sto cercando di decantare tutto in mezzo al rumore che regala il silenzio.
    Sto mettendo da parte tante cose, anche quelle importanti. Devo ripartire, adesso o mai più.
    Ma lasciami almeno pensare: “quanto è dura…..!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: