Calci nei coglioni

Oggi si parla di calci nei coglioni, visto com’è andata oggi in parlamento mi sembra un argomento più che giusto e attuale. I calci nei coglioni oggi li dovevamo dare e invece come sempre li abbiamo presi, al solito la fiducia è stata concessa e questo meraviglioso e fantasmagorico governo del FARE (fare cosa non si è ancora capito…) continuerà la sua missione (chissà quale sarà? Ma credo che di calci nei coglioni si tratti anche questa volta, e ho un piccolissimo presentimento su chi dovrà riceverli…). Va bè lasciamo perdere altrimenti rischio di avvelenarmi il sangue anche oggi e sinceramente preferirei prendermi a scudisciate da solo che mettermi a ragionare di nuovo di politica. Si parla di calci nei coglioni perchè camminando per strada oggi ho visto una scena da nove, ma anche nove e mezzo direi, praticamente una ragazzina con scatto fulmineo ha piazzato, con un invidiabile nonchalance, una ginocchiata nel sacchettino scrotale del suo amico (presumo). Lui ovviamente si è piegato in due come una graziella (la bici intendo, anche perchè spero che ormai non ci sia più nessuno che si chiami graziella…), dal colorito rosso porpora delle guance ho dedotto che fosse stato colpito con notevole precisione, il colorito mi ha fatto capire anche che il ragazzo si trovava in piena apnea. In tutto questo la signorina se la rideva allegramente, tentava tra le risate di chiedere scusa a quel povero cristo che nel frattempo aveva iniziato a contorcersi come un’ anguilla sull’asfalto. Dopo dieci minuti buoni il ragazzo riprende l’uso della parola e fa: “Non ti preoccupare, adesso è passato…”

O.o

Che cosa?

E basta?

Cioè la perdoni così, senza neanche una denuncia, o che so almeno una lettera di minacce, una testa di cavallo insanguinata appena sveglia, almeno le ruote della macchina poteva forargliele… Ragazze, voi dovete capire una cosa una volta per tutte, dal momento che in passato è capitato anche a me, dovete capire che quelle due sferette la sotto oltre che essere preziose (infatti vengono dette anche “gioielli di famiglia”) sono la cosa più dolorosa che esiste se colpite anche con poca forza, quindi sarebbe bello da parte vostra smettere di scherzarci manescamente. Voglio descrivervi cosa prova un uomo quando viene colpito li, di modo che, in futuro, possiate ricordarvi di questo post e magari in un lampo di generosità e bontà d’animo desistiate dal recarci un così grave danno. Se l’uomo ha l’enorme sfiga di accorgersi che qualcuno o qualcosa sta per colpirlo li inizia a sentire dolore ancora prima dell’impatto, non sto scherzando, provate a fare la finta di colpire a un qualsiasi individuo e poi chiedetegli di spiegarvi cos’ha sentito fisicamente, come minimo vi dirà che ha provato fastidio, perchè la paura fa si che il corpo e soprattutto i muscoli situati dall’ombelico in giù si contraggano improvvisamente per assorbire l’urto e questo vi giuro che provoca dolore anche li. Se poi questo disgraziato viene davvero colpito il dolore si divide in due parti, quello alle sfere e quello agli addominali bassi, si avete letto bene, non ho idea del perchè ma dopo una legnata nelle sfere mi ha sempre fatto male la pancia bassa, e non solo a me, tanti altri amici me l’hanno confermato, alcuni asseriscono che quello alla pancia sia addirittura più intenso di quello ai globi. Il dolore è costante nel tempo e lancinante, toglie il respiro, è come se venisse premuto il tasto off, se vieni colpito bene sei fuori combattimento per almeno un quarto d’ora, poi, dopo, inizi a riprenderti ma piano, ci vuole ancora un po di tempo per riacquistare l’uso della parola e del movimento, solo dopo circa una trentina di minuti puoi dire di essere tornato alla normalità. E se ci pensate, mezzora con un dolore di quel genere è un’eternità, potrei dire, avendolo provato, che il dolore è simile a quello che si prova quando un dottore deve rimetterti a posto una frattura scomposta senza anestesia. In definitiva signorine che state leggendo, non potreste nutrire per quelle due sferette la stessa passione che noi maschietti nutriamo per i vostri air bag? Dai un po di parcondicio no? E se proprio non potete almeno non prendetecele a calci.

Annunci

Informazioni su corvobianco213

CRA CRA CRA CRA CRA? CRA CRA CRA! CRA!?

Pubblicato il ottobre 2, 2013, in dolore, indignazione, musica, pensieri, riflessioni con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 9 commenti.

  1. Caspita!

    E lui non ha detto nulla!?
    Ma no!

  2. noi ci possiamo provare a non colpire i vostri gioielli di famiglia, ma quanno ce vò, ce vò!
    e ci son casi in cui ce vò proprio! 🙂

  3. (al_nick_ci_penserò!)

    Mi fai morì 🙂
    Sorvolo discorso politica. Non c’ho voglia..
    Sui calci agli zibidei, hai ragione… Non che abbia provato mai il dolore che descrivi, però -ecco- credo andrebbe usato il calcio proprio lì solamente in caso di difesa.. per il resto, “massimo rispetto”! 🙂
    Onestamente il dolore lancinante di cui hai parlato io l’ho equiparato un pò al dolore che talora capita di provare “in quei giorni” e quando il dolore è forte ..altro che mezz’ora: dolori fortissimi al basso ventre, le gambe diventano molli e hai la sensazione non ti sorreggano più, giramento di testa, nausea, sudore freddo (il colorito in volto si spegne), dolore ai reni, ai muscoli.. ma sicuramente è il dolore al basso ventre quello peggiore. In questi casi, se non si vuole morire di dolore, per forza antidolorifico!

    P.s.:credo sia la prima volta che mi capita di leggere in un blog del dolore fisico 🙂

    • Ovviamente non avendo mai provato a essere donna in quel periodo li anche per me non è per niente facile immaginarmi il dolore che periodicamente provate, ma dalle cose che dite dev’essere davvero uno strazio, quindi si, vai di antidolorifici! 😉

  4. chiedo scusa da parte di tutte le donzelle calcesche del pianeta terra… io personalmente ho sempre rispetto degli affari privati altrui… soprattutto quelli “preziosi” quindi mai calciato.
    Ma a nome di tutte chiedo a priori scusa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: