La Teoria del sonoro

In questi giorni mi sono messo a leggere un libro che avevo lasciato tempo fa, non so perché a volte mi capiti di abbandonare libri per mesi, comunque l’ho ripreso e ho trovato un interessante teoria che vorrei riproporre. Tranquilli, nessuno ha scoperto l’acqua calda, la teoria è molto semplice e tutti, più o meno, la seguiamo o tentiamo di seguirla, soltanto che troppo spesso, nel turbinio delle relazioni emotive, ci scordiamo di tale teoria finendo per prendere delle musate colossali. Quindi io la riposto, magari salvo qualche faccia e realizzo la mia quotidiana buona azione. Trattasi della “Teoria del sonoro” direttamente dal libro Cuori allo specchio di Massimo Gramellini.

Secondo la suddetta teoria, per giudicare una storia d’amore o un qualsiasi rapporto umano è indispensabile togliere il sonoro. Eliminare le parole e concentrarsi esclusivamente sui gesti. Per esempio: se una ragazza, sollecitata per ventisette volte ad uscire, ogni volta ti risponde che sei molto simpatico ma purtroppo in quel momento lei ha il raffreddore, appare superfluo continuare a chiedersi se sia innamorata pazza di te, ma un po’ cagionevole di salute. Vi è infatti la fondata probabilità che sia sana come un pesce e per nulla interessata. Al contrario, se una ragazza si fa cento chilometri a nuoto per venirti a dire che sei un imbecille, l’abolizione del sonoro consente di passare sopra al contenuto del messaggio per scorgere nelle modalità del gesto un segno inequivocabile di passione.

Il fatto di concentrarsi solo sui gesti consente di poter dare un occhiata all’effettiva salute della relazione, qualsiasi essa sia. Consente di capire se realmente c’è tra i due soggetti un vero interscambio, oppure se tale interscambio è a senso unico. Molto spesso, invece, tendiamo a pendere dalle parole della persona amata, che magari, in uno slancio di passione momentanea, ha semplicemente e umanamente esagerato. Quindi chiudo con il semplice consiglio di abbassare il volume, occhio ai gesti, e in culo alla balena!

PS: La balena ha avuto da ridire, potete ascoltare il suo intervento all’inizio del brano quì sotto.

Annunci

Informazioni su corvobianco213

CRA CRA CRA CRA CRA? CRA CRA CRA! CRA!?

Pubblicato il febbraio 3, 2014, in amore, musica, pensieri, riflessioni con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 15 commenti.

  1. è assolutamente una teoria fantastica (io adoro gramellini)

    però povera balena, sempre così analmente bistrattata

  2. La teoria del sonoro mi ha fatto venire in mente le mie tante “ultime telefonate”. Quando ho chiamato qualcuno solo per dirgli ” questa é l’ultima volta che ti chiamo perché non voglio sentirti più. Mai più!” e invece tutto quello che avrei voluto dirgli é che senza di lui mi sentivo persa…

  3. Gramellini è decisamente sopravvalutato.

  4. Del resto un gesto vale più di mille parole! Anche se talvolta, pur supportati dalle migliori intenzioni, non sempre producono il risultato sperato eheh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: