GDS

Sapevo che sarebbe giunto… e infatti è arrivato… il giorno dello scoglionamento. Il GDS è come il natale di Renato Pozzetto “quando arriva, arriva” e devi accettarlo che ti piaccia o no. Il GDS è infimo e bastardo perchè non ha segni premonitori e non si notano sintomi nel soggetto che lo subirà, può arrivare in qualunque momento della vita, e anche per il futuro sei fregato perchè puoi stare sicuro che occasionalmente si ripresenterà. Il GDS è caratterizzato da un risveglio lento e faticoso, la presa di coscienza necessita di svariati minuti in cui il soggetto grugnisce e tenta invano di spengere la sveglia, che con una veemenza davvero spropositata cadenza lo scorrere del ritardo. Durante il tragitto verso il bagno il soggetto pensa fino a farsi uscire il sangue dal naso a una scusa accettabilmente credibile per non presenziare a lavoro. Dopo l’intensa seduta alla toilette capisce che le scuse che gli sono venute in mente sono già state tutte utilizzate e si rassegna. Vestizione random, il soggetto prende una palla di stracci (che si ostina a chiamare indumenti), con grandissimo sforzo la lancia per aria e si mette in traiettoria di gravità con le braccia alzate, magicamente è vestito! Colazione random, il soggetto apre il frigo e inserisce un braccio per prelevare qualcosa di commestibile tra i milioni di prodotti scaduti e le schifezze di varia natura… passano alcuni istanti e il soggetto viene morso da una creatura probabilmente venuta alla luce a causa delle reazioni chimiche all’interno del frigo. Il soggetto opta per la colazione al bar. Lavoro. Ritorno a casa per pranzo con sguardo perso nel vuoto, elettroencefalogramma concavo, e difficoltà nella deambulazione. Il soggetto entra in casa ed è in preda a strane allucinazioni, il divano prende vita e si mette a cantare a squarciagola Usami di Luca Dirisio (non metto il link perchè ho pietà di voi… e non azzardatevi ad andarla a cercare su Youtube!). Pranzo vedi Colazione. Il soggetto torna a lavoro per la sessione pomeridiana a piedi, durante il tragitto si accorge di aver consumato le suole delle scarpe a causa della camminata particolare che il GDS purtroppo prevede, la “strascicata” caratterizzata dal far si che i piedi non lascino mai la superficie (sconsigliata quando si è a piedi nudi). Il soggetto si rimette a lavorare e la sessione lavorativa è contraddistinta dallo scandire del tempo dettato dagli sbadigli dello stesso, smisurati e somiglianti al muggito di un bovino adulto. Quando questa giornata sarà finita vi dirò come va a finire… forse…

PS: vi prego non ditemi che siete andati davvero a cercare Dirisio…

Annunci

Informazioni su corvobianco213

CRA CRA CRA CRA CRA? CRA CRA CRA! CRA!?

Pubblicato il maggio 12, 2014, in musica, pensieri, riflessioni con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 17 commenti.

  1. Scusa, sono un po’ lenta di comprendonio. Ma cosa vuol dire Gds? Avrei capito GDM… Ma GDS mi sfugge… Sarà l’età!! 😉

  2. Oops… Mi era sfuggito… Ho capito

  3. Ahaha quella canzone però non era malissimo dai! Meglio che quell’altra del thé. Chissà che fine ha fatto sto’ tizio inutile

  4. Come descrivi tu le mie giornata, nessuno mai! 🙂

  5. Credo di aver vissuto più AdS perché un GdS è veramente troppo poco nel mio caso, mi sono riconosciuto nei momenti più bui di risparmio vitale.. 🙂

  6. Io non ho bisogno di cercarla la canzone di Di Risio..La so già a memoria 😐
    Sono preoccupante?

    Comunque abbiamo condiviso il GDS, se non fosse che il mio è stato amichevolmente accompagnato da un mal di testa di dimensioni biBBliche.

    • Effettivamente un pochino preoccupante lo sei, e il fatto che anch’io la conosca abbastanza bene non credi sia altrettanto preoccupante? Ce ne faremo una ragione, e promettiamo che appena inventano la macchina per cancellare i ricordi ci faremo togliere Dirisio dall’esistenza, e saremo finalmente LIBBBERIIII !!!!

  7. Però come lo racconti bene tu il GDS non l’ho mai sentito da nessuno! 😀
    La parte più avvincente è quella dove butti gli indumenti per aria ed essi come per magia ti si infilano addosso 😉
    Mi hai strappato una risata in questa GDM! 😉 :mrgreen:
    Ciaooo
    liù

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: