E’ scattato qualcosa

E’ scattato qualcosa. Nei suoi occhi non riesco più a scorgere curiosità, come se qualcuno da dentro avesse spento un interruttore. Se ne sta zitto, sdraiato sul divano, fissa il soffitto, tutto il giorno, sempre, costantemente, non s’interessa neanche più di sport, prima guardava ogni singolo evento sportivo, ora non glie ne frega più niente. Oggi ho avuto un attimo di rabbia nel vederlo così arreso. Gli ho urlato che se non si fosse alzato sarei andato a tirarlo su di forza. Si, poi mi sono sentito una merda, gridare a un anziano in quel modo non è un azione da andarne fieri, ma qualcosa dentro di me non sopportava la sua arrendevolezza. Poi sono andato via, senza salutare con la speranza che mi dicesse qualcosa, anche di brutto, mentre me ne andavo. Anche un ingiuria avrei preferito al silenzio. Tra le altre cose ha iniziato anche a mangiare meno, che poi è come dire quasi niente, la colazione è una fetta biscottata, il pranzo decisamente poca pasta e per cena ieri sera mezza tazza di latte con numero 2 biscotti. Ora io non so di quante calorie abbia bisogno un essere umano sull’ottantina, ma quelle appena descritte giurerei essere davvero poche. Non so come comportarmi, arrabbiarmi e costringerlo o rispettare la resa e vederlo consumarsi piano piano. A volte penso che il mio attaccamento emotivo offuschi il mio giudizio, una parte di me vuole a tutti i costi non perderlo, che si tratti di costringerlo o no non è rilevante, l’altra spinge per impormi di rispettare le sue scelte, perchè crede fermamente che un uomo debba scegliere in perfetta autonomia quando e come abbandonarsi. E poi ho anche un presentimento di merda al quale preferirei non pensare…

Annunci

Informazioni su corvobianco213

CRA CRA CRA CRA CRA? CRA CRA CRA! CRA!?

Pubblicato il maggio 23, 2014, in anziani, musica, parenti, pensieri, riflessioni, vecchiaia con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 14 commenti.

  1. Come dici tu ,non si può costringere una persona a vivere se non ha più nessuna gioia o voglia di vivere .
    sarebbe già difficile con una persona più giovane,ma con un’ottantenne è troppo dura!
    Capisco quello che provi,rabbia mista a dolore ,ma noi non possiamo fare niente .
    Ti abbraccio
    liù

  2. È molto difficile accettare, e sai bene che la tua reazione rabbiosa è dolore e impotenza. E sai anche che non serve a nulla, se non a farvi reciprocamente male. Ma è istintiva, umana.
    Forse servirebbe di più chiedere a lui di raccontarti qualcosa, stare lì con pazienza e reggendo l’angoscia, mangiando insieme i due biscotti. Andando al suo ritmo, non al tuo.
    Provando a capire, a fargli domande per capire dov’è. O per farti raccontare qualcosa della sua vita.
    È tuo padre?
    In ogni caso, qualunque cosa tu riesca o non riesca a fare, ascolta, osserva, rifletti, scrivi, condividi.
    Un abbraccio
    Chiara

  3. Caro Corvo, quanto mi sono rivista nel tuo racconto. Io penso che nessuno può permettersi di dire agli altri cosa fare della loro vita, ma possiamo continuare a dare loro amore, sostegno, vicinanza. Anche se so che a volte la rabbia ci offusca a tal punto da non volerli neanche più vedere. Ma la rabbia e’ solo perché, in fondo, sappiamo che non possiamo fare niente, e che soffriremo per ciò che accadrà. Dicono sia la vita… Ti abbraccio

    • A volte vorrei trasmettergli un po di rabbia, io ne ho un bel po, magari potrebbe servirgli. Comunque credo tu abbia ragione quando dici che in fondo, sappiamo che non possiamo fare niente, e che soffriremo per ciò che accadrà, hai colto in pieno il punto, l’impotenza davanti all’inevitabile. E so che puoi capirmi, ricordo bene le lettere sul tuo blog. Grazie

  4. A distanza di giorni, mi auguro che la situazione sia un po’ migliorata… Comprendo la rabbia, il senso di impotenza e di frustrazione davanti a qualcosa che comunque sia è difficile… La vicinanza e il tentativo di dialogo sempre necessarie.
    In ogni caso, un caro abbraccio Corvo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: