Archivio mensile:giugno 2014

Rimugina che ti passa… ma de che…

Prendo spunto da un commento in uno degli ultimi post, si parlava di rimuginare sulle cose, quella pessima abitudine che alcuni di noi hanno, dico pessima perché innegabile, star troppo a rimuginare su un problema o su una incomprensione è palesemente deleterio. Ora non so quali siano le vere e reali conseguenze dal punto di vista psicologico, non sono uno psicologo, però posso raccontare o almeno tentare di farlo, del resto appartengo in pieno alla categoria dei rimuginatori seriali… ognuno ha le sue croci… Lo faccio su tutto, addirittura m’indigno per le cagate dei politici, e sto realmente male, ci rimugino per giorni col magone sullo stomaco e il bello è che quando lo faccio mi rendo perfettamente conto di essere un coglione a perseverare, ma non riesco a smettere. Verrebbe proprio di dire: “ma si può spegnere il cervello?” (domanda che ogni volta che viene posta fa cadere le braccia, e non solo, a ogni psicologo nel raggio di due chilometri… non tanto per la domanda in se, quanto perché la fanno tutti… sempre… costantemente…). Io credo non si possa spegnere, ho cercato anche l’interruttore ma non l’ho trovato, dev’essere una roba che si autoalimenta… Penso però che si possa distrarre, aggirare. Con che cosa? Con tutto. Con ogni tipo d’interesse, hobby, attività. E’ ovvio che non si può credere di poterlo fregare ventiquattro ore su ventiquattro, ma un po di tempo si, un pochino riusciamo a rubarglielo. E’ ovvio che se qualcuno conoscesse altri metodi è pregato di farmeli sapere, ne avrei bisogno.
PS: nel post qui sopra potrei aver inanellato una serie incalcolabile di cazzate, non sono un dottore, ripeto, non sono un dottore.

Annunci

Il titolo non c’è, c’è solo tristezza…

E un bel giorno (bel?) succede che fai un errore sul lavoro, di quelli che si fanno in buona fede, convinto quindi di aver fatto bene. Succede poi che il tuo amico oltre a prenderti a male parole per l’errore ti sputtana anche con tutti gli altri colleghi e ovviamente tu parti incazzato per andare a chiarire il tutto. Succede che ci sono altre persone presenti, allora siccome sei una persona educata rimandi all’indomani. La sera però ti arriva un messaggio di scuse, lo leggi e scopri che l’unica vera scusa è la parola “scusa” perché il messaggio contiene giustificazioni, che tra l’altro non condividi, al proprio comportamento e non certo delle scuse reali. E allora succede che ti sale la tristezza, succede che ti accorgi che quella che sembrava un’ amicizia vera non lo era poi così profondamente. Succede che ti passa la voglia di chiarire. Succede che ti passa la voglia di lavorarci insieme. Succede che forse è meglio terminare il lavoro, perché quando ti prendi degli impegni ti piace mantenerli. E succede che sai che una volta terminato il lavoro probabilmente non ci sarà più spazio per quella persona. E’ triste ma a tutto c’è un limite, e quel limite è stato superato. M’interrogo da sempre, come tutti, sull’esistenza dell’amore, ora mi tocca interrogarmi anche sull’amicizia, e sinceramente, non ne ho più voglia.

Personalità ingombranti

La convivenza forzata è una cosa che non sopporto, soprattutto se la persona con cui forzatamente devi condividere del tempo ha una personalità troppo ingombrante. Ho avuto occasione di sperimentarlo sulla mia pelle ed è stato abbastanza stressante. So che potrei risultare scontato e banale ma è la verità. Avere accanto una persona con una personalità forte, sia essa un amico, un fidanzato, un parente implica un sacco di momenti spiacevoli, tipo: la competizione su qualsiasi cosa, ogni argomento trattato inizierà come una normale discussione per poi trasformarsi magicamente in un monologo creato ad arte per professare la propria idea, e non provare a intervenire! Alzerà la voce interrompendoti continuamente, a un certo punto devi necessariamente stare zitto, sorbirti il monologo sperando che finisca al più presto… anche perché l’alternativa sarebbe una ginocchiata nei denti, ma si sa, non sta bene. Altro momento a dir poco spiacevole si verifica ogniqualvolta (ognichè? O.o) c’è da prendere una decisione, a me ad esempio è capitato di avere il cellulare con la mappa in mano mentre sto viaggiando in macchina e arrivati a un bivio l’autista voleva assolutamente avere ragione sulla strada da prendere, cioè entrambi in un posto sconosciuto io con la mappa in mano che ci devo fare? La leggo perché m’interessa la morfologia e la topografia del territorio o per darti indicazioni su dove andare? Dopo quest’esperienza ho capito che posso resistere nella convivenza con una persona dalla personalità troppo forte per non più di una settimana, se tentassi di sforare tale lasso di tempo probabilmente gli userei violenza quindi preferisco evitare. Il problema vero però si pone se si è, o meno, legati alla persona in questione. E io lo sono.

Nel Turbine

Sono nel turbine. Qualcuno forse ricorderà un post in cui affermavo di avere molti impegni lavorativi in cantiere.

Ecco…

sono arrivati…

tutti insieme…

col caldo dei giorni scorsi…

è la prima volta che sono contento che ci sia brutto tempo…

forze sufficienti solo a postare musica…

alla prossima…

PS: vi volevo presentare Arturo, il mio nuovo cucciolo, qui lo potete vedere mentre fa la nannina nel lettone…

wallpaper-dinosauro
PS2: ma come fa a venirti in mente un fotomontaggio così assurdo… bho…

Premi che non vuol dire pigia…

 

Sarò breve e circonciso (come disse in aula poco tempo fa quello del M5S…), a parte gli scherzi, mi hanno nominato per due premi/giochi/catene di sant’Antonio/award/non so e vorrei continuare l’andazzo, mi hanno fatto piacere e ho deciso di fare un post su entrambi i premi/millemilacose. I blog dai quali è giunta la nomination sono i seguenti, marisasalabelle.wordpress.com per il Lovely Book Award 2014 by liù e ladonafamiglia.wordpress.com per il Premio Curiosità 2014.
Devo adempiere a diverse mansioni quindi non indugerei oltre e inizierei a postare le immagini di entrambi.
image228

 

image85

Per entrambi i premi/millemilacose si deve rispondere ad alcune domande, oltre a nominare un tot di blog e utilizzare l’immagine, partiamo con quelle del Lovely Book Award 2014 by liù:

1 – Come scegli i libri da leggere? Ti fai influenzare dalle recensioni? “Scelgo i libri in base a un solo esclusivo criterio, voglio solo roba vissuta realmente, che faccia ridere, piangere o sia una roba tecnica deve comunque essere roba reale, niente d’inventato, NO ROMANZI”

2  – Dove compri i libri: in libreria o online? “per adesso solo libreria ma potrei farlo tranquillamente anche on line”

3 – Aspetti di finire la lettura di un libro prima di acquistarne un altro oppure hai una scorta? “No, non faccio scorte, massimo due alla volta”

4 – Ti fai influenzare dal numero delle pagine quando compri un libro? “Di solito no, ma se mi proponi un mattone di seimila pagine come minimo deglutisco e sgrano un po gli occhi”

5 – Hai un autore e un genere preferito? “Non ho ancora trovato il mio autore preferito anche se mi piace molto la Fallaci”

6 – Quando è iniziata la tua passione per la lettura? “Incredibile a dirsi ma durante la leva militare, quando si fanno le guardie per ore si deve trovare qualcosa da fare e io dopo aver contato tutte le zanzare spiaccicate nel muro della camerata ho trovato dentro un cassetto di un armadietto Uno nessuno e centomila di Pirandello, me lo sono sparato tutto e non chiedetemi perchè ma mi è piaciuto”

7 – Leggi un libro alla volta oppure riesci a leggerne diversi insieme? “Come ho detto prima massimo due”

8 – Se tutti i libri del mondo dovessero essere distrutti e potessi salvarne uno soltanto quale sarebbe? “Probabilmente Un Uomo della Fallaci”

9 – Perché ti piace leggere? “Perchè non dovrebbe piacermi? Si può rispondere con una domanda?”

10 – La tua libreria è ordinata secondo un criterio o tieni i libri in ordine sparso? “Sparsissimo perchè ogni tanto mi viene in mente una frase di un libro, allora vado a cercarla e mi scordo di rimetterlo al suo posto, quindi alla fine sono sempre tutti sparsi”

passiamo adesso alle domande del Premio Curiosità 2014:

1 – COME TI CHIAMI REALMENTE: Domanda scorretta per uno che in rete si fa chiamare Corvobianco213… Avrei messo il mio nome reale se avessi voluto farlo sapere al mondo.

2 – QUAL È LA TUA VERA ETA’: Ho passato la trentina… Ma chi l’ha scritte queste domande? Il garante della Privacy?

3 – E QUELLA CHE VORRESTI AVERE: Mi vanno bene i miei.

4 – QUAL È L’ULTIMO SMS CHE HAI RICEVUTO: Aspetta che controllo… Eccolo, recita così: Ho chiamato alle 19:02 del 04/06.

5 – COM’E’ STATO IL TUO PRIMO BACIO: Il mio primo bacio è stato mooolto bello, ho avuto la fortuna di averlo da una ragazza che mi piaceva molto e alla quale piacevo molto ed è stato idilliaco, adesso siamo ancora amici e ogni volta che la vedo mi mette di buon umore.

6 – COS’HAI SOGNATO STANOTTE: Non ricordo, non me li ricordo quasi mai…

7 – DOMANI PARTI DOVE VAI: Vado in oriente, Cina, Giappone fate voi basta andare…

8 – A COSA STAI PENSANDO: Che ho fame…. come sempre… purtroppo…

9 – COSA FARAI STASERA: Dato che ho lavorato tutto il giorno ininterrottamente da stamattina credo che collasserò sul divano con sbavata e bolla al naso…

10 – SE POTESSI INCONTRARE DAL VIVO UN SOLO BLOGGER CHI SCEGLIERESTI E PERCHÈ?: Questa è una bella domanda ma ce ne sono tanti che vorrei incontrare, anche se a volte penso che si romperebbe la magia, o forse crescerebbe… Mi sa che proverò a incontrare qualcuno prima o poi…

Concluse le domande dovrei passare alle nomination, non so quante devono essere io faccio una cifra a forfait, e tra l’altro vorrei premiare questa volta chi non ho mai nominato per altri premi, quindi via con le nomination:

http://pinocchiononcepiu.com

http://crazyaliceandwonderland.wordpress.com

http://shockanafilattico.wordpress.com

http://pindaricamente.wordpress.com/

http://gnomshee.wordpress.com

Cari blogger sappiate che siete nominati per entrambi i premi!

Credo di aver fatto tutto no? Speriamo…