Giorno: 23 giugno 2014

Personalità ingombranti

La convivenza forzata è una cosa che non sopporto, soprattutto se la persona con cui forzatamente devi condividere del tempo ha una personalità troppo ingombrante. Ho avuto occasione di sperimentarlo sulla mia pelle ed è stato abbastanza stressante. So che potrei risultare scontato e banale ma è la verità. Avere accanto una persona con una personalità forte, sia essa un amico, un fidanzato, un parente implica un sacco di momenti spiacevoli, tipo: la competizione su qualsiasi cosa, ogni argomento trattato inizierà come una normale discussione per poi trasformarsi magicamente in un monologo creato ad arte per professare la propria idea, e non provare a intervenire! Alzerà la voce interrompendoti continuamente, a un certo punto devi necessariamente stare zitto, sorbirti il monologo sperando che finisca al più presto… anche perché l’alternativa sarebbe una ginocchiata nei denti, ma si sa, non sta bene. Altro momento a dir poco spiacevole si verifica ogniqualvolta (ognichè? O.o) c’è da prendere una decisione, a me ad esempio è capitato di avere il cellulare con la mappa in mano mentre sto viaggiando in macchina e arrivati a un bivio l’autista voleva assolutamente avere ragione sulla strada da prendere, cioè entrambi in un posto sconosciuto io con la mappa in mano che ci devo fare? La leggo perché m’interessa la morfologia e la topografia del territorio o per darti indicazioni su dove andare? Dopo quest’esperienza ho capito che posso resistere nella convivenza con una persona dalla personalità troppo forte per non più di una settimana, se tentassi di sforare tale lasso di tempo probabilmente gli userei violenza quindi preferisco evitare. Il problema vero però si pone se si è, o meno, legati alla persona in questione. E io lo sono.