Le regole dell’ozio

Si lo ammetto, sono due giorni che non faccio un c…., anzi non è che lo ammetto, lo dico apertamente, vi spiattello in faccia la mia fancazzaggine con fierezza e anche una puntina di soddisfazione, non lo posso negare. Magari in questo momento qualcuno mi sta leggendo dal computer dell’ufficio e sta pensando “guarda se sto corvetto dei miei co… deve ricordarmi la mia condizione di sfigato a lavoro…” si, è così, ma la mia bastardaggine durerà poco, fino a Lunedì, poi rinizia il calvario, chilometri da macinare, telefonate… Comunque non ci voglio pensare, fino a Lunedì non farò niente di dovuto, farò solo ciò che voglio fare… E un buon cinquanta per cento del suddetto tempo sarà utilizzato nell’attività più amata da noi maschietti (ma forse anche da qualche femminuccia, anche se credo in misure molto minori… si dice molto minori? Bha…) L’OZIO. E’ una pratica molto diffusa ma in pochi sappiamo come sfruttarla al massimo. L’ozio ha 3 regole precise:

1- Direttamente il padre dell’ozio Homer Simpson ci insegna la prima regola e cioè che quando sei in modalità ozio, qualunque cosa a più di dodici passi da te dev’essere considerata inaccessibile. Troppa fatica per tredici, meglio rinunciare in partenza.

2- La seconda regola per praticare l’ozio in maniera piena e da vero Maestro è arrivare tramite il rilassamento a quello che io amo definire Stato di Torpore. Mi spiego meglio, o almeno ci provo, avete presente quando fate un grande sforzo fisico e successivamente vi mettete sul letto a riposare, vi capita a volte di rilassarvi a tal punto da non sentire più una gamba o le braccia? Quei momenti in cui devi muovere l’arto assopito per sapere se c’è? Eh… Rilassarsi a tal punto da non percepire più il proprio corpo.

3- La regola numero tre è la più semplice ma anche la più importante… Spengere il telefonino… La devo spiegare? Non credo…

E dopo queste perle di saggezza donate in modo completamente gratuito se permettete, tornerei, in veste di Maestro, a praticare la mia arte…

Annunci

Informazioni su corvobianco213

CRA CRA CRA CRA CRA? CRA CRA CRA! CRA!?

Pubblicato il settembre 5, 2014, in musica, ozio, pensieri, riflessioni con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 8 commenti.

  1. La regola numero 3 l’ho messa in atto.Ho il cellulare spento 😛 felice fine settimana

  2. Mi piace tantissimo il mantra del fare solo ciò che si vuole fin tanto che è possibile.
    E poi, in pratica confermi una idea che mi sono fatta durante questa estate vedendo le foto che su fb venivano postate dai miei contatti maschi: i maschi adorano fotografarsi dalle ginocchia sino ai piedi con le gambe incrociate, sul letto dinanzi una grande finestra vista panorama o sul lettino in spiaggia. Ozio. Credo si, che sia più maschile che femminile. Siete fantastici (dopo tutto!).

    • Più che fantastici direi che siamo un animale semplice… un letto e un bel panorama è tutto ciò di cui abbiamo bisogno…
      PS: mi accorgo adesso che questa risposta è a doppio senso di marcia… ma non ho voglia di cancellarla…. perchè sono un uomo probabilmente…

      • eheheheh pensa che al doppio senso di marcia neppure ci avevo pensato, ma in effetti c’è ed apprezzo che tu non l’abbia corretto 🙂

  3. ahahahah… questo post è fantastico! Complimenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: