Un posticino

Ci sono dei posti, ognuno ha i suoi, in cui è più facile pensare, in cui si riesce ad avere più contatto con se stessi, ad arrivare davvero nel nostro profondo. Di solito sono posti pacifici, dove regna il silenzio, un esempio potrebbe essere una scogliera poco frequentata dove si sente solo il rumore del mare, o magari la cima di una collina dove poter ammirare un bel panorama. Per quanto mi riguarda uno di questi è esattamente a queste coordinate 43° 28′ 7.9″ N, 10° 44′ 18.67″ E. Immerso nella campagna toscana c’è un piccolo laghetto artificiale che in mezzo ha un’isoletta, intorno al laghetto sono state sistemate delle pietre a forma di semicerchio e una volta all’anno, in questo luogo viene montato un palco per dare vita a un concerto tra i più belli del mondo. Il posto porta il nome di “Teatro del Silenzio” ed è stato costruito per volere di un cantante nato vicino a questo luogo magico, Andrea Bocelli. Si dice che sia stato chiamato così perché per la maggior parte dell’anno questo è un luogo silenzioso e prende voce (e che voce!) solo una volta. La curiosità di questo luogo nasce anche dal fatto che ogni anno cambia, si, perché sull’isoletta e sulle pietre a semicerchio, prima del concerto, vengono sistemate delle sculture o delle scenografie diverse che poi non vengono smontate. Pochi giorni fa infatti il Teatro si presentava così (foto scattate male da me con uno smartphone vecchio di nuova generazione, o nuovo di vecchia generazione… fate voi…):


Ma in passato, come potete vedere dalle immagini, belle, trovate su internet era diverso:

 

Quando sono qui mi siedo sull’erba e penso alla mia vita, contemplando allo stesso tempo la natura, il silenzio, e l’opera artistica dell’uomo. Questo idillio, a volte, può essere disturbato da un insetto di passaggio, che a seconda delle dimensioni produce una vera e propria fuga a gambe levate del sottoscritto che, affetto da terrore cronico per grandi insetti volanti, tenta di mettersi in salvo, o da qualche turista che deve farsi il selfie col teatro in sfondo altrimenti non ci dorme la notte. Insomma questo è davvero un posticino da vedere e da ascoltare, sia nei momenti di silenzio che in quelli di musica, quindi se vi capita di passarci vicino non fate l’errore di non fermarvi a visitarlo.

Annunci

Informazioni su corvobianco213

CRA CRA CRA CRA CRA? CRA CRA CRA! CRA!?

Pubblicato il ottobre 3, 2016, in fotografia, musica, pensieri, riflessioni con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 5 commenti.

  1. E anche stavolta sei stato pericolosamente vicino a me! Verrà il giorno in cui arriverai sulla costa… (che foto meravigliose! 😊)

    • Foto meravigliose?
      Diciamo che l’oggetto delle foto è meraviglioso perchè per quanto riguarda il mezzo con cui sono state scattate parliamo di uno smartphone di legno che parte a pedali come il vecchio bravino XD
      Quando arrivo sulla costa ti faccio un fischio!

  2. Quasi quasi ci faccio un salto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: