Due + Due

Oggi ho fatto il grande errore (che faccio spesso purtroppo) di dare uno sguardo alle principali testate giornalistiche on line, e come di consueto negli ultimi tempi le maggiori notizie vertono sulla formazione o no di un governo e del Presidente del Consiglio. Sinceramente tutta questo twister di notizie e dichiarazioni da parte dei politici (di qualsiasi schieramento) mi sembra una vera e propria farsa, dal mio punto di vista i giochi sono fatti, e già da tempo. Il presidente del consiglio o un eventuale governo di qualsiasi schieramento non può niente contro chi governa davvero. E non è una questione di complottismo o di sette e illuminati vari, è semplicemente riuscire a fare 2+2… Mi spiego, chiunque vada a governare avrà dei dictat da rispettare, dati dall’Europa e firmati una ventina di anni fa circa, oltre a ciò bisogna fare i conti con i famosi mercati. Lasciamo perdere per semplicità di calcolo tutto ciò che “ci chiede l’Europa”, del resto potremmo un giorno decidere di uscirne no? Quindi non consideriamo le richieste dell’Europa. Rimangono questi famosi, o famigerati “mercati”. Chi sono? Semplice, sono investitori finanziari, più o meno grandi che con un click decidono se comprare o vendere titoli di stato, azioni e prodotti finanziari in genere. Qualcuno in passato ha addirittura detto che i mercati siamo noi, tutti noi, ma è una balla enorme perché i piccoli risparmiatori rappresentano una fetta misera del mercato e comunque non si muovono tutti insieme in grandi operazioni, a differenza di alcune realtà che con un click spostano enormi somme. Quindi se questi investitori decidono che il governo in carica non agisce come dovrebbe semplicemente smetteranno di investire e probabilmente faranno pressione sul governo stesso per ripristinare i loro profitti (vedi il caso dello spread che s’impenna appena le cose prendono una piega sbagliata). E’ sempre successo, e finchè le cose staranno così sempre succederà. Qualcuno mi potrebbe dire, e lo sento spesso, facciamo la rivoluzione! Ok gli rispondo, e contro chi? Perché per fare la rivoluzione ci vogliono due parti, lo sfruttato e lo sfruttatore, il primo siamo noi, ma il secondo? Il secondo sono i mercati che sono un insieme di società e persone sparsi per tutto il globo, quindi che facciamo? Dichiariamo guerra al mondo? E poi l’investitore mica ha la divisa o un segno di riconoscimento, come lo becchi? Detto ciò, si ritorna sempre alla stessa identica verità, il problema è l’essere umano. L’essere umano, o almeno il 99% degli individui facenti parte di questa strana specie, è un animale che non ha freno, vuole sempre di più, è come un tossico in crisi d’astinenza, e non si fermerà davanti a niente pur di ottenere quello che brama, il potere incondizionato su tutto e tutti, dato in quest’era da ciò che una volta era un mezzo e che oggi si è tramutato in fine, il denaro. Tutte le belle storie che ci raccontano i libri, i film e le religioni varie in cui il buon cuore vince è una presa per il culo colossale, tutti, e ripeto tutti noi ragioniamo in modo matematico e calcolante in termini di convenienza personale, e poi, ma solo ed esclusivamente poi arrivano i pensieri altruisti. A mio avviso l’essere umano sopravviverà a sè stesso quando inizierà, sempre ammesso che lo farà, a pensare come specie e non come individuo. Ma, detto tra noi, la vedo come un’ipotesi più che remota al momento.

PS: e dopo avervi snocciolato la verità XD sulla situazione economica e sulla natura umana un grande Fabrizio Casalino ci elargisce, tra l’altro come me in forma completamente gratuita, quella sull’amore. Buona visione e ascolto.

Annunci

2 pensieri su “Due + Due

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...