Giorno: 18 novembre 2019

Ognuno porta le sue cicatrici come può…

Non sono piacevoli le cicatrici, è un agglomerato di roba che si forma sulle ferite per rimarginarle, per ridarti una parvenza di integrità. A volte si induriscono e non permettono più l’elasticità di prima, a ogni minimo movimento ti avvisano di esserci ancora, e proprio per questa loro natura diversa è praticamente impossibile scordarsi di averle. E quando hai la sfortuna di averne (che poi se sia proprio una vera e propria sfortuna è ancora da dimostrare) fai di tutto per non renderle visibili agli altri, le nascondi spesso in modo maldestro, cerchi di mascherarle con posture assurde, trucchi di vario genere. Quello che però non si dice mai delle cicatrici è che comunque sono parte di te, sei tu, è la dimostrazione che hai vissuto qualcosa che andava oltre la tolleranza minima, che poi, una volta passata ha creato una lacerazione con conseguente cicatrizzazione…e ci vuole coraggio… E oggi l’ho sentita tirare bene una cicatrice… Mi sono capitate per le mani alcune foto tue, e già lì ha iniziato a tirare. Poi sfogliandole c’eri tu col tuo motorino, e tirava, poi tu con la tua mitica radiolina, e tirava, poi ho visto me in braccio a te, e nei tuoi occhi c’era quella luce che solo le persone come te hanno, e lì ha iniziato a tirare di brutto. Ma brutto brutto. Quindi ho riposto subito le foto… E mi sono nascosto… Tranquillo, nessuna lacerazione per questa volta….