Problema di traduzione

Ultimamente sto facendo caso alle traduzioni dei film (per lo più americani) e alla scelta delle parole che i traduttori prendono in considerazione per poi propinarcele nei suddetti film. Ce ne sono alcune che sono ormai da anni usate in casi particolari, sempre quelle, in quella determinata situazione nove volte su dieci stai sicuro che useranno quella parola o quel modo di dire. Volete qualche esempio? Mettiamo che la scena sia questa, al protagonista succede un imprevisto, può essere più o meno grave ma stai pur certo che quello che dirà sarà: “Dannazione…”. Ora, qualcuno di voi che fa cadere a terra un oggetto inavvertitamente, o tampona con l’auto un altro per sbaglio ha mai detto “dannazione”? Si vabbè, io son toscano e noi siamo maestri nel turpiloquio quindi noi usiamo ben altri termini (e con notevole fantasia…) ma chiunque in Italia direbbe mai “dannazione”? Facciamo un altro esempio, la scena stavolta è questa, classico stallo alla messicana, come se ne esce uno dei protagonisti? Ma è ovvio “posa quell’arma o ti faccio saltare le cervella!” cioè capite? Le cervella! Ma avete mai sentito qualcuno in Italia usare il termine “le cervella”? Ma magari un bel “ti spappolo il cranio” o un classicissimo”ti faccio un buco in testa” ma le cervella no dai, risulta anche poco intimidatorio… Facciamo un ultimo esempio, scena in cui il protagonista vede qualcosa di inspiegabile come se ne esce? Ovviamente con un “Ma che diavolo…” frase troncata e espressione di stupore misto a curiosità. Qualcuno di voi ha mai detto “ma che diavolo” in un qualsiasi frangente della propria vita? Io no… Ok mi si dirà che proprio perchè traduzioni di altre lingue questi modi di dire spesso vengono scelti perchè tradotti letteralmente, tipo la parola dannazione è una traduzione (neanche troppo corretta) della parola damned, ma noto sempre più spesso che ormai queste parole o modi di dire vengono usati perchè entrati a far parte del linguaggio cinematografico. Preferirei molto di più che venissero usate espressioni più italiane, non per una questione di campanilismo ma proprio perchè se fai una traduzione si presume che sia rivolta a un pubblico di italiani, quindi cerca di usare un linguaggio più comune alla gente che dovrai intrattenere no?

Per la musichina oggi ognuno si sceglie la versione che gli piace di più.

Un pensiero su “Problema di traduzione

  1. Ho notato anch’io che spesso la traduzione, più nei film e nelle serie che nei libri, a dire il vero, viene fatta ricalcando le espressioni inglesi piuttosto che adattandole a quelle italiane. Non solo il lessico, ma anche i costrutti delle frasi. Per esempio la risposta “lo farò”, che in italiano in effetti si usa poco, ricalca “I’ll do it”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...