Tag: facebook

Post macabro

AVVERTENZA: il post di oggi sarà abbastanza macabro quindi chi volesse preventivamente toccarsi i gioielli di famiglia in modo scaramantico faccia pure, si ricordi però, in caso la palpata fosse a pelle, di lavarsi le manine prima di ritornare a spippolare sulla tastiera, facciamo le personcine pulite mi raccomando… (che poi gli uomini si toccano le… si dai le… le gioiellesse diciamo, ma le donne? Toccarsi le ovaie la vedo dura… qual è il vostro gesto scaramantico?)

Pensavo, quando uno tira le cuoia, gli account delle mail e dei vari social network che fine fanno? Rimangono nella rete sperduti e abbandonati a sè stessi? Vengono cancellati dopo un tot di tempo che sono inutilizzati? Insomma qual è il loro destino? Documentandomi un po’ ho scoperto che su Facebook, se uno è parente del defunto e volesse diciamo “ereditare” l’account del caro scomparso può farlo, a meno che il diretto interessato, prima di partire per l’alto regno, non abbia scelto di far eliminare l’account in caso di morte. Cosa diversa succede per gli account di posta elettronica, in questo caso non è sempre facile riuscire a contattare il provider, altra difficoltà si riscontra per riuscire a farsi dare la password di accesso, la privacy è una cosa seria per queste aziende. Comunque, girando in rete si trovano diversi siti che pensano a queste eventualità, e quindi chiunque può stilare il suo “Testamento Digitale”. Come ci insegna Wikipedia il Testamento Digitale non è altro che “un testamento che determina il fato della presenza di una persona nel mondo virtuale. Questi archivi comprendono tutti gli account che una persona può avere online, dai social media ai siti di acquisti, da un canale YouTube ad un sito di giochi”, si può scegliere di far recapitare tutte le password, o solo alcune, a una persona o di cancellare tutto, quindi, chi volesse stabilire cosa deve o non deve rimanere di sé dopo la dipartita può farlo. Personalmente non farò nessun Testamento Digitale, questo blog rimarrà aperto anche dopo di me, così, tanto per rompere i cogl….

PS: la bambina qua sotto ha dodici anni e il cuore pieno di paura… mmm… no, quella era una canzone di De Gregori, insomma ha dodici anni e talento da vendere, brava Allie!

Annunci

Ocio amici Blogger – Condannato per il commento di un altro

Prima vedetevi questo:

Quindi se scrivessi, sotto falso nick, un commento diffamatorio diretto a me stesso su un qualsiasi blog altrui potrei denunciare il proprietario e vincere dei bei soldini.

Che Italia ragazzi/e, che Italia!!!

E poi mi chiedono perchè voglio andare via…

Bye Bye Faccialibro

Il 2015 è stato per me l’anno delle chiusure. Ho chiuso con persone troppo abituate al motto “armiamoci… e partite” o con altre che tendevano a scaricarmi addosso colpe che non avevo, e quando un giorno ho perso la pazienza, vomitandogli addosso tutto ciò che pensavo, compresa la mia versione dei fatti, si sono trasformate di colpo in agnellini facendo finta di niente. Quindi ho fatto decisamente bene. Pertanto dato che siamo a chiudere, ho deciso di chiudere anche con un famoso social network che, dopo averlo testato per un annetto circa, mi ha dato la conferma di non essere per niente consono alla mia indole. Sto parlando ovviamente dell’amato e odiato Faccialibro. Mi sono registrato circa un anno fa per curiosità e per le continue pressioni di alcuni conoscenti che non si capacitavano di come potessi vivere senza. Quindi con la mente piena dei discorsi dei suddetti che promettevano divertimento e utilità a non finire, ho cliccato e sono entrato nel fantastico mondo di Facebook. Che poi fantastico è durato si e no un paio di giorni, poi si è trasformato neanche troppo lentamente in “e questo che mi chiede l’amicizia chi cavolo è?” oppure “odio profondamente chi m’invita dieci volte al giorno a giocare a candy crash che tra l’altro non so neanche cosa sia” o ancora “nooo, c’è anche quel rompicoglioni speriamo non mi chieda l’amicizia”. Vogliamo parlare delle continue notifiche sul telefono? Delle famose frasi “conosci tizio?” “conosci caio?” (no non li conosco e sinceramente vedendoli nella loro foto migliore forse è meglio così…) delle notifiche ad eventi a cui ti hanno invitato e non hai messo parteciperò? Insomma è odioso, la maggior parte delle persone che ho tra gli amici sono puri e semplici conoscenti, neanche ci salutiamo se c’incontriamo per strada. Non mi sono mai fatto un selfie che tanto amano i figli di Facebook, la mia indole è allergica all’autocelebrazione. Ci sono più foto mie nei profili di qualche amico che nel mio. Non lo uso praticamente mai. Non vado a sbirciare nei profili altrui perché dopo il terzo selfie mi viene la nausea. Non contatto nessuno perché uso whatsapp. E soprattutto, ho un lieve sospetto che molte persone (per non dire tutte) siano sul social solo ed esclusivamente perché così fan tutti, e non mi piace. In definitiva adieu Faccialibro vorrei poter dire che è stato bello finchè è durato ma non è così, quindi senza rancore (o forse una puntina si…) vado a informarmi su come eliminare l’account.

PS: Evviva wordpress! Chi lo usa è perché “vuole” usarlo!