Archivi Blog

Campane… ma non le donne di Napoli…

Ancora queste cavolo di campane. Non le sopporto. Credo di averlo accennato anche in un post tempo fa, non riesco a capire il perché della loro esistenza, e se devo essere sincero mi è assolutamente incomprensibile anche il loro utilizzo. Ho la netta impressione che nella mia città vengano suonate senza un senso logico. A volte ogni ora, a volte ogni mezzora, a volte mai… Il tutto viene poi aggravato dal fatto che le suddette non sono lontanissime da casa mia e per di più il palazzo che ho davanti fa si che le onde sonore rimbalzino su di esso e arrivino dritte ai miei timpani, e non escludo che vengano anche amplificate. Caro il mio cristianissimo lettore, ti pare giusto che io venga invaso dalle onde sonore della tua religione vita natural durante, quando a me nummenepotrebbefregàdemeno? Ok lo ammetto, non ho un gran rapporto con la religione, non ci credo in Dio, qualunque esso sia. Se mi chiedono della creazione semplicemente rispondo non lo so, perché qualcuno potrebbe essere davvero sicuro di una qualsiasi altra opinione sull’argomento? E può provarlo? E poi da piccolo sono stato oggetto di stalking da parte di una suora che insisteva telefonandomi a casa perché andassi a frequentare non so quale attività… che poi dove l’ha trovato il numero di casa mia? E come faceva a sapere che in quella casa c’era un bambino di sei o sette anni? E poi perché invece di cercare di convincere me non lo ha chiesto ai miei genitori? Misteri della fede… Crescendo mi sono sorti dubbi sulla veridicità degli insegnamenti delle religioni, e allora mi sono informato, ho chiesto ai miei, agli amici, ho letto qualche testo, ma niente da fare, non riuscivo e non riesco a tirarci fuori niente. L’unica vera risposta che so dare è non lo so. Non so se esiste, non so se sia buono o cattivo, non so se abbia forma umana, non so se sia simpatico o meno, come non so se c’è stato il big bang, se davvero l’uomo si è evoluto dalla scimmia se è nato prima l’uovo o la gallina e potrei continuare all’infinito. Ma una cosa la so, si può vivere tranquillamente anche non sapendo alcune cose, non c’è bisogno di darsi per forza una spiegazione per tutto. E soprattutto in base a quella spiegazione si potrebbe non ricamarci sopra e costruire odiose campane che rompono continuamente i c… le p…. le scatole insomma!!!!

PS: di seguito un filmatino simpatico nel quale mi sono immedesimato, probabilmente sarei così se fossi un giovane prete…

PS2: e poi sotto ancora di più assai la solita canzoncina che accompagna il post…