Archivi Blog

L’odioso ronzio delle zanzare

E un post va dedicato anche a loro, alle protagoniste indiscusse di ogni estate italiana che si rispetti “le zanzare”. Questo infimo insetto che non manca mai di rovinarci uno dei momenti più belli della nostra vita, quel momento in cui non sei ne completamente cosciente ne addormentato, il momento dolcissimo del dormiveglia, quell’istante in cui senti Morfeo che ti invita a lasciarti andare e tu sei come in trans, in quel preciso secondo la stronzissima decide di passarti proprio li, vicino all’orecchio, provocandoti l’uscita brusca da quel paradiso mentale e conseguentemente regalandoti la consapevolezza di fare subito qualcosa per far si che non si ripeta l’accaduto. Perché non crederai mica che si tratti di un episodio sporadico o casuale, no, la zanzara sembra quasi che ci abbia rimesso l’orologio, appena socchiudi gli occhiucci e tenti di riprendere sonno lei ripassa con quell’inconfondibile ronzio, e a questo punto il tuo fastidio diventa vera e propria incazzatura. Personalmente al secondo passaggio mi alzo, accendo qualsiasi luce perché voglio e devo avere la piena visione del circostante, la stanza diventa il campo di battaglia, opuscoli, giornali o magliette le usuali armi, e così do vita alla guerra contro l’insetto più odioso della storia del mondo. In piedi sul letto sono praticamente immobile, una specie di predatore che aspetta il momento giusto per sferrare l’attacco mortale, attendo che la stronza faccia la sua mossa. Al momento dell’avvistamento aspetto che si posi, anche addosso a me volendo, troppo rischioso cercare di colpire un bersaglio in movimento, meglio attendere e fargli credere di non essere in pericolo. Quando il bersaglio è fermo scatta la trappola e bam! Con gesto fulmineo uccido la bestia, ma quello veramente sconfitto se ci penso bene sono io, sono sveglissimo in piena notte, per riaddormentarmi mi ci vorrà almeno un’oretta, sul muro c’è una strisciata di sangue che verrà via solo alla prossima imbiancatura previa secchiata di napalm, e avendo acceso tutte le luci con la finestra aperta probabilmente oltre alle sue sorelline nella stanza saranno entrate tre falene un coleottero e se mi è andata particolarmente male anche un pipistrello… Perché non mi decido mai a comprarmi un antizanzare?